Ubiquiti PowerBeam M5 PBE-5AC-500 - CPE access point outdoor POE 5GHz 27dBi

Ubiquiti PowerBeam M5 PBE-5AC-500 - CPE access point outdoor POE 5GHz 27dBi
128,80 €
Iva inclusa
105,57 € Iva esc.

PBE-5AC-500
IN RIASSORTIMENTO
9,99€ iva incl.
0810354022586
Quantità
Non ci sono abbastanza articoli in magazzino

Codice : PBE-5AC-500-EU
Frequenza di lavoro : 5 GHz
Numero di porte LAN : 1x [10/100/1000M (RJ45)]
Standard LAN : Gigabit Ethernet 10/100/1000 Mb/s
Frequenza della CPU : 560 MHz
Guadagno dell'antenna : 27dBi
Il tipo di alimentazione del dispositivo : Passive PoE
Memoria RAM : 128MB
Tipo di dispositivo : Dispositivo client - cpe - Ap mode



  • Pagamenti sicuri e veloci Pagamenti sicuri e veloci
  • Spedizione veloci con corriere espresso Spedizione veloci con corriere espresso
  • Assistenza clienti a tua completa disposizione Assistenza clienti a tua completa disposizione

Il fattore di forma del PowerBeam ™ offre il massimo guadagno per le sue dimensioni. L'eccellente direttività del fascio di PowerBeam offre le migliori prestazioni in ambienti ad alto rumore. Utilizzando la tecnologia airMAX ac, il PBE-5AC-500 supporta un throughput TCP / IP reale fino a 450+ Mbps. Si avvia con la funzionalità PtP e una funzionalità in modalità client verrà aggiunta con un futuro aggiornamento del firmware.

Informazioni di sistema

Modello

PBE-M5AC-500

Specifiche del processore

Atheros MIPS 74KC, 560 MHz

Memoria

128 MB DDR2, 8 MB Flash

Interfaccia di rete

(1) Porta Ethernet 10/100/1000

 

Informazioni su normative / conformità

Modello

PBE-M5AC-500

Approvazioni wireless

FCC, IC, CE

Conformità RoHS

 

Fisico / elettrico / ambientale

Modello

PBE-M5AC-500

Dimensioni (mm)

520 x 520 x 308

Peso

2.350 kg

Alimentazione elettrica

24 V, 0,5 A PoE

 

Metodo di alimentazione

PoE passivo

(Coppie 4, 5+; 7, 8 Ritorno)

Max. Consumo di energia

8,5 W

Guadagno

27 dBi

Caricamento del vento

94,33 lbf @ 125 mph

Sopravvivenza al vento

125 mph

LED

(1) Alimentazione, (1) LAN, (4) WLAN

LED di potenza del segnale

Regolabile tramite software per corrispondere ai livelli RSSI personalizzati

Dimensioni del canale

5/8/10/20/30/40 MHz

Polarizzazione

Doppio lineare

Allegato

Plastica stabilizzata ai raggi UV per esterni

Montaggio

Kit di montaggio su palo incluso

Protezione ESD / EMP

Aria: ± 24 kV, Contatto: ± 24 kV

temperatura di esercizio

Da -40 a 70 ° C

Umidità operativa

Dal 5 al 95% senza condensa

Urti e vibrazioni

ETSI300-019-1.4

 

Riepilogo frequenza operativa (MHz)

Modello

PBE-M5AC-500

In tutto il mondo

5150-5875

Stati Uniti d'America

5725-5850

 

 

Il prezzo si riferisce ad una singola antenna, per un collegamento Punto-Punto occorrono 2 antenne.

PBE-5AC-500
0810354022586

Nata nel 2005, è tra i principali produttori di apparati di comunicazione wireless. Tra i maggiori successi l'AirMAX e l'AirFiber.Ubiquiti Networks è una società statunitense con sede a San José, California, attiva nel settore delle telecomunicazioni wireless. Nata nel giugno 2005, Ubiquiti progetta e realizza piattaforme tecnologiche per mercati emergenti grazie alle quali realizzare reti senza fili per il cosiddetto ubiquitous networking (infrastrutture di rete per l'Internet delle cose).Ubiquiti Networks fece il suo ingresso nel mondo delle telecomunicazioni wireless nel giugno 2005, annunciando la commercializzazione di “Super Range”, la prima serie di schede radio mini-PCI. Equipaggiate con circuiteria Qualcomm Atheros, queste schede lavoravano sulle frequenze da 2,4 gigahertz e 5,8 gigahertz e vennero adottate da diversi operatori telefonici e delle telecomunicazioni. Nel gennaio 2006 Ubiquiti Networks espanse la propria linea prodotti con la serie SR9 (scheda in grado di lavorare sulla frequenza da 900 megahertz) e la tecnologia Freedom Frequency, in grado di sfruttare frequenze sino a 60 gigahertz per la propagazione del segnale radio.Dopo aver esteso il supporto anche alla banda da 4,9 gigahertz con la schda SR4, Ubiquiti annunciò l'uscita della serie “Xtreme Range”. Nell'agosto 2007 la scheda XR5 ricevette l'attenzione della stampa internazionale grazie ad un gruppo di radioamatori italiani. Utilizzando due antenne paraboliche e due schede XR 5, gli italiani furono in grado di battere ogni record di distanza nel campo delle telecomunicazioni senza fili. Riuscirono, infatti, a mettere in contatto tra di loro due punti distanti 304 chilometri, inviando dati ad una velocità di poco inferiore ai 5 megabit al secondo.Nel 2008 la società californiana presentò nuove linee prodotti, annunciando la produzione e la commercializzazione di router e modem wireless rispondenti alle direttive IEEE 802.11 b/g. Fu la volta, quindi, del Bullet, NanoStation, NanoStation Loco, PicoStation eRouterStation. L'anno successivo Ubiquiti Networks presentò AirMAX, protocollo proprietario che gestisce lo scambio wireless di pacchetti sfruttando i principi della tecnologia MIMO.Nel corso del 2010 moltissime conferenze riguardanti l'AirMAX si tennero in Europa, Asia, America del Nord e America del Sud. Ubiquiti Networks ne approfittò per lanciare nuove serie di prodotti come AirWire, WiFiStation e Power AP N. Inoltre, la società con sede a San Josè estese il supporto della tecnologia AirMAX anche alle bande di frequenza da 900 megahertz e 3 gigahertz. Nell'ultimo trimestre Ubiquiti presentò alla stampa la tecnologia AirSync e il sistema di comunicazione senza fili per ambienti interni UniFi. La tecnologia AirSync, in particolare, suscitò l'interesse della stampa e degli addetti ai lavori: sfruttando moduli GPS, infatti, potevano essere eliminate le interferenze generate da due o più punti di accesso posti uno nelle vicinanze dell'altro. Nell'agosto 2011 vennero annunciati punti di accesso UniFi studiati per ambienti esterni, così come l'AirCam/AirVision, software per telecamere di sorveglianza senza fili e IP Camera.Nel 2012 è stata presentata alla stampa AirFiber, piattaforma wireless in grado di funzionare sulla banda di frequenza da 24 gigahertz. Sfruttando particolari protocolli di comunicazione, i dispositivi dotati di questa tecnologia sono in grado di scambiare pacchetti dati con una velocità massima di 1,4 gigabit al secondo.