WhatsApp Chat

Ubiquiti UISP airMAX LiteBeam AX LBE-AX-EU

171,29 €
L'offerta scade tra:
Iva inclusa
140,40 € Iva esc.

LBE-AX-EU
ESAURITO

0

9,99€ iva incl.
810010077783
Quantità
Non ci sono abbastanza articoli in magazzino



  • Pagamenti sicuri con Carta, Bonifico Bancario e PayPal Pagamenti sicuri con Carta, Bonifico Bancario e PayPal
  • Spedizione veloce con corriere espresso in 1-3 gg lavorativi Spedizione veloce con corriere espresso in 1-3 gg lavorativi
  • Assistenza clienti sempre a tua completa disposizione Assistenza clienti sempre a tua completa disposizione

LiteBeam® AX utilizza un'antenna ad alto guadagno e il protocollo airMAX* per fornire un throughput sostenuto e ad alta velocità su lunghe distanze.

Caratteristiche:

Radio a 5 GHz (2x2 MIMO) con protocollo airMAX AX
Antenna ad alto guadagno da 23 dBi con tecnologia InnerFeed®
Compatibile con qualsiasi airMAX AC AP
Bluetooth integrato
Supporto alla pianificazione dei collegamenti tramite l'ISP Design Center

 

Gestito con applicazione UISP: versione 1.4.6 e successive
Gestito con l'app UISP Mobile: Versione 2.25.0 e successive (iOS) / Versione 2.26.3 e successive (Android)

Meccanico
Dimensioni 358 x 272 x 272,5 mm (14,1 x 10,7 x 10,7")
Peso Senza supporto: 800 g (1,76 libbre)
Con supporto: 980 g (2,16 libbre)
Materiali della custodia Lega di alluminio, plastica stabilizzata ai raggi UV
Montaggio da Ø35 a 60 mm (da Ø1,38 a 2,36")
Caricamento del vento 275 N a 200 km/h (61,8 lbf a 125 mph)
Impermeabilità IPX6
Hardware
Processore ARM® Cortex®-53 dual-core a 1 GHz
Memoria DDR3L 256 MB
Interfaccia di rete (1) Porta RJ45 GbE
Pulsante Ripristino di fabbrica
LED Alimentazione/Ethernet
Connessioni RF Interne
Metodo di alimentazione PoE passivo a 2 coppie (4, 5+; 7, 8 di ritorno)
Massimo consumo energetico 7,5 W
Intervallo di tensione supportato da 22 a 26 V CC
Temperatura di esercizio da -40 a 70° C (da -40 a 158° F)
Umidità di esercizio Dal 5 al 95% senza condensa
Certificazioni FCC, IC, CE
Software
Sistema operativo airOS®
Crittografia WPA2-PSK (AES)
Servizi SSH, DNS dinamico, log remoto, ping watchdog
Utilità Speed ​​test, allineamento, discovery, ping, traceroute
Interfaccia di gestione Gestione Bluetooth per una facile configurazione tramite app UISP Mobile
UI WEB
Requisiti software minimi Browser Web moderno o smartphone AndroidTM/iOSTM
RF
Frequenza operativa* Da 5,15 a 5,85 GHz
*Dipende dalle normative regionali.
Intervallo di frequenze
USA/CA

In tutto il mondo
U-NII-1 5.150 - 5.250 MHz
U-NII-3 5.725 - 5.850 MHz
5.180 - 5.875 MHz
Larghezza di banda del canale 20/40/80/160 MHz
Massimo potenza TX condotta 25 dBm
Guadagno dell'antenna 23 dBi
Isolamento 20 dBi
Larghezza del fascio 3 dB: da 8 a 12°
6 dB: da 11 a 16°
Inclinazione elettrica verso il basso 0°

LBE-AX-EU
810010077783

Nata nel 2005, è tra i principali produttori di apparati di comunicazione wireless. Tra i maggiori successi l'AirMAX e l'AirFiber.Ubiquiti Networks è una società statunitense con sede a San José, California, attiva nel settore delle telecomunicazioni wireless. Nata nel giugno 2005, Ubiquiti progetta e realizza piattaforme tecnologiche per mercati emergenti grazie alle quali realizzare reti senza fili per il cosiddetto ubiquitous networking (infrastrutture di rete per l'Internet delle cose).Ubiquiti Networks fece il suo ingresso nel mondo delle telecomunicazioni wireless nel giugno 2005, annunciando la commercializzazione di “Super Range”, la prima serie di schede radio mini-PCI. Equipaggiate con circuiteria Qualcomm Atheros, queste schede lavoravano sulle frequenze da 2,4 gigahertz e 5,8 gigahertz e vennero adottate da diversi operatori telefonici e delle telecomunicazioni. Nel gennaio 2006 Ubiquiti Networks espanse la propria linea prodotti con la serie SR9 (scheda in grado di lavorare sulla frequenza da 900 megahertz) e la tecnologia Freedom Frequency, in grado di sfruttare frequenze sino a 60 gigahertz per la propagazione del segnale radio.Dopo aver esteso il supporto anche alla banda da 4,9 gigahertz con la schda SR4, Ubiquiti annunciò l'uscita della serie “Xtreme Range”. Nell'agosto 2007 la scheda XR5 ricevette l'attenzione della stampa internazionale grazie ad un gruppo di radioamatori italiani. Utilizzando due antenne paraboliche e due schede XR 5, gli italiani furono in grado di battere ogni record di distanza nel campo delle telecomunicazioni senza fili. Riuscirono, infatti, a mettere in contatto tra di loro due punti distanti 304 chilometri, inviando dati ad una velocità di poco inferiore ai 5 megabit al secondo.Nel 2008 la società californiana presentò nuove linee prodotti, annunciando la produzione e la commercializzazione di router e modem wireless rispondenti alle direttive IEEE 802.11 b/g. Fu la volta, quindi, del Bullet, NanoStation, NanoStation Loco, PicoStation eRouterStation. L'anno successivo Ubiquiti Networks presentò AirMAX, protocollo proprietario che gestisce lo scambio wireless di pacchetti sfruttando i principi della tecnologia MIMO.Nel corso del 2010 moltissime conferenze riguardanti l'AirMAX si tennero in Europa, Asia, America del Nord e America del Sud. Ubiquiti Networks ne approfittò per lanciare nuove serie di prodotti come AirWire, WiFiStation e Power AP N. Inoltre, la società con sede a San Josè estese il supporto della tecnologia AirMAX anche alle bande di frequenza da 900 megahertz e 3 gigahertz. Nell'ultimo trimestre Ubiquiti presentò alla stampa la tecnologia AirSync e il sistema di comunicazione senza fili per ambienti interni UniFi. La tecnologia AirSync, in particolare, suscitò l'interesse della stampa e degli addetti ai lavori: sfruttando moduli GPS, infatti, potevano essere eliminate le interferenze generate da due o più punti di accesso posti uno nelle vicinanze dell'altro. Nell'agosto 2011 vennero annunciati punti di accesso UniFi studiati per ambienti esterni, così come l'AirCam/AirVision, software per telecamere di sorveglianza senza fili e IP Camera.Nel 2012 è stata presentata alla stampa AirFiber, piattaforma wireless in grado di funzionare sulla banda di frequenza da 24 gigahertz. Sfruttando particolari protocolli di comunicazione, i dispositivi dotati di questa tecnologia sono in grado di scambiare pacchetti dati con una velocità massima di 1,4 gigabit al secondo.